25/01 e 1/02: Rassegna Africa-Italia: voci, corpi e luoghi della migrazione

| 14 Gennaio 2013

Africa-Italia: voci, corpi e luoghi della migrazione  

 

Biblioteca Guglielmo Marconi

via G. Cardano, 135- Roma

 

 

Rassegna di film 

a cura di Vincenzo Valentino e del Comitato per i Beni Comuni del Municipio Roma XVI presso la

 

 

“ Le figure e i racconti della migrazione dai paesi del continente africano in Italia costituiscono un centro di attenzione per il cinema del reale. Il cinema documentario infatti è in grado di presentare attraverso la voce dei protagonisti le emozioni suscitate dalle esperienze vissute, le fa riemergere con uno sguardo altro, che mira a bucare la superficie della quotidiana cronaca mediatica, per dare voce e dignità umana a chi è costretto a spostarsi per necessità, nella speranza di migliorare la propria condizione esistenziale. 


In questa breve rassegna sono stati selezionati tre documentari che possono aiutare il pubblico a ragionare sulle diverse esperienze della migrazione e sulle cause che hanno generato il fenomeno migratorio nella fase storica dell'economia globalizzata.
 
Le proiezioni saranno seguite da un dibattito al quale sono invitati gli autori dei documentari."

 

 

 

Venerdì 25 gennaio ore 17
The Well- Voci d'acqua dall' Etiopia 
di Paolo Barberi e Riccardo Russo 2011; 56’
 

Ogni anno, quando la stagione secca arriva in Oromia (Sud dell’Etiopia), i pastori Borana si avvicinano con tutti gli animali ai loro secolari pozzi ‘cantanti’, così chiamati perché lunghe catene di uomini vi raccolgono l’acqua per ore intonando canti di lavoro. Il film racconta la loro vita durante un intero periodo di siccità, mostrando un sistema unico di gestione delle risorse idriche che permette di dividere la poca acqua a disposizione come un bene comune e diritto di tutti, senza nessuno scambio di denaro.

 

Venerdì 1 febbraio ore 17
Mohamed e il pescatore di Ludovica Jona, Marco Leopardi e Marta Zaccaron; regia di Marco Leopardi 2012; 54’
La storia di un incredibile salvataggio nel Mediterraneo, dell’ultimo sopravvissuto al naufragio di una carretta del mare, dopo una settimana senza acqua ne cibo. Mohamed è l’unico sopravvissuto tra le 47 persone che sono partite con lui, su un gommone verso Lampedusa. Tutte le imbarcazioni incontrate mentre il gommone cominciava a imbarcare acqua e poi a sfaldarsi, si erano allontanate alle loro richieste di aiuto. Tranne una, quella di Vito Cittadino, un pescatore Mazarese, che ha salvato Mohamed quando ormai era in fin di vita.

 

 

Avviso: 
le proiezioni sono a ingresso gratuito, riservate agli iscritti alle Biblioteche di Roma - L'iscrizione
 
si può effettuare in biblioteca anche la sera dell'evento